Catalogazione

Funzionario responsabile: Nicoletta Giordani

Collaboratore: Antonina Russo

 

L'attività svolta dall'Ufficio è il censimento e la catalogazione dei beni storici, artistici, etnoantropologici presenti nel territorio di competenza e di quelli in consegna alla Soprintendenza, appartenenti alla Galleria, Museo e Medagliere Estense.

Questa attività, svolta seguendo le normative catalografiche emanate dall'ICCD, costituisce una prima, fondamentale, forma di tutela e di conoscenza scientifica dei beni. 

L'Ufficio Catalogo raccoglie, conserva e rende consultabile il materiale catalografico cartaceo ed informatizzato prodotto dalla Soprintendenza attraverso la programmazione ordinaria e i progetti catalografici promossi dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con leggi speciali (ex lege 41/86, 84/90,160/88, ART PAST 2005-2007, Catalogazione speditiva dei Beni nei depositi dei Musei Statali 2006-2007).

Archivio corrente

Comprende il patrimonio catalogato dalla Soprintendenza secondo i modelli di schedatura normati dall'ICCD. Riguarda oltre 43.000 schede, di cui circa 41.000 sono state tradotte in formato digitale e risultano consultabili attraverso agevoli modalità di ricerca informatiche.  

Archivio storico

Raccoglie il patrimonio di schede prodotte negli anni tra il primo e il secondo Dopoguerra. Si tratta di un insieme di schede cartacee dattiloscritte e di appunti manoscritti redatti da funzionari della Soprintendenza e riferite prevalentemente all'attività di censimento dei beni sul territorio.  

 

PROGETTI

Art Past

La Soprintendenza ha aderito al progetto nazionale ART PAST, finanziato dal MIBAC, per l'informatizzazione del catalogato rappresentato dai Beni Storico-Artistici. Sono state informatizzate oltre 41.000 schede, comprensive di immagini in formato digitale, che confluiranno nella banca dati nazionale SIGEC. I beni coinvolti nel progetto sono riferiti ai beni mobili (scheda OA), ai beni numismatici (scheda NU), alle opere di grafica (scheda S). 

Catalogazione speditiva dei beni mobili nei depositi dei musei statali

La Soprintendenza ha aderito al progetto nazionale di catalogazione dei beni statali conservati nei depositi ottenendo un finanziamento ministeriale, che ha consentito di produrre schede informatizzate redatte secondo i criteri più aggiornati della normativa ICCD. Sono state prodotte circa 2.000 nuove schede riferite alle collezioni dei dipinti, dei disegni, della glittica, delle medaglie.